La Commemorazione del 25 Aprile 2019 a Potenza Picena

Durante la commemorazione del 25 Aprile, svoltasi a Porto Potenza giovedì scorso, non vi è stato alcun attacco alle istituzioni. Due canti spontanei sono partiti quasi all’unisono e con la stessa partecipazione, trasporto ed emozione: coloro che hanno intonato “Bella Ciao” hanno poi cantato il Nostro Inno Nazionale.

Io stesso, terminata la celebrazione, ho avuto modo di dialogare con Noemi Tartabini al fine di accordarci per un dibattito pubblico e non ho notato, né la stessa mi ha riferito, alcun tipo di disappunto per la sovrapposizione dei due canti.

Le parole dell’audio di Noemi Tartabini mi meravigliano e, oltre a rappresentare una grave questione politica, sono una ferita alla nostra memoria storica. Ciò che colpisce maggiormente è che a pronunciare queste parole sia stata il Sindaco facente funzioni. L’ANPI rappresenta una associazione di persone che si impegnano quotidianamente per mantenere viva la memoria storica della liberazione dal fascismo e delle radici della nostra Costituzione.

Costituzione che viene violata ogni volta che l’avversario politico viene considerato, come nell’appello finale che si ascolta nell’audio, un nemico da abbattere, da disprezzare e da vincere. In questa vicenda è emerso con tutta la sua forza un aspetto molto attuale della vita politica: si vive ogni periodo amministrativo con il rancore e la voglia di rivincita senza aver riguardo dei problemi reali della comunità.

E’ proprio per cambiare questo modo di far politica che ho deciso di accettare la candidatura a sindaco propostami da diversi cittadini. Crediamo sia necessario riscoprire i valori della Costituzione (quella vera) che come sosteneva Calamandrei è “un testamento di centomila morti” e vede la sua nascita ideale “nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati”. Per questo è necessario celebrare ogni giorno il 25 Aprile, tramite una amministrazione che sia uno specchio fedele della costituzione e sappia ascoltare e dare voce a tutti i cittadini, nessuno escluso.

Edoardo Marabini

Share